ricetta medica

La ricetta medica o richiesta medica


La ricetta medica è un documento scritto, redatto da un medico chirurgo (ossia: laureato in medicina e chirurgia, abilitato all’esercizio della professione ed iscritto all’Albo professionale), che consente al paziente di ottenere dal farmacista la consegna dei medicinali che vi sono elencati.

La prescrizione medica quindi è l’autorizzazione scritta che consente l’autorizzazione di vendita del medicinale al paziente da parte del farmacista, il quale è il solo autorizzato ad effettuarla.

Si tratta di un atto certificativo che presuppone uno stato di malattia o comunque di sofferenza del soggetto, che necessita pertanto della terapia prescritta.

La ricetta ha dunque da un lato natura certificativa per la parte che attesta il diritto dell’assistito all’erogazione dei medicinali, dall’altra natura autorizzativa nei confronti dell’amministrazione che erogherà, tramite il Servizio Farmaceutico, la prestazione richiesta.

E’ di norma certificata su un documento che può avere due finalità:

  • Diritto del paziente al ritiro di farmaci in una farmacia aperta al pubblico;
  • Scorta professionale propria o di struttura sotto la diretta responsabilità.

Gli elementi che caratterizzano tali documenti sono:

  • Elementi per la certa individuazione del medico;
  • La prescrizione o trascrizione medica;
  • La data di compilazione;
  • La firma del medico;

E’ redatta su:

  • carta intestata personale;
  • su carta intestata della struttura sanitaria con timbro personale;
  • Carta semplice con apposizione di un timbro riportante le generalità del medico complete di indirizzo del domicilio o dell’ambulatorio, numero telefonico, in caso di scorta propria;
  • Modulario ministeriale obbligatorio ove previsto;

Ai fini del regime legale di dispensazione i medicinali possono essere suddivisi in tre categorie:

  1. Soggetti a ricetta medica;
  2. Dispensabili senza ricetta e su consiglio del farmacista;
  3. Dispensabili senza ricetta e su richiesta diretta del paziente;

A seconda della natura del principio attivo prescritto, del suo dosaggio, delle vie di somministrazione, delle finalità d’uso di tipo terapeutico, le ricette mediche possono essere distinte in varie tipologie:

  1. Ricetta ripetibile (RR).
  2. Ricetta non ripetibile (RNR), ossia da rinnovarsi volta per volta.
  3. Ricetta limitativa (RL).
  4. Ricetta ministeriale a ricalco.

Tutte queste ricette sono sottoposte a differente regime normativo e sono assoggettate a leggi dello stato; l’errore è passibile di denuncia.