globuli rossi

La setticemia o sepsi


La setticemia è una complicazione di un’infezione nota o sospetta, che colpisce il sangue. Si presenta con sintomi riconducibili all’infezione e può provocare gravi danni agli organi vitali.

Che cos’è?

La setticemia è una grave complicazione di un’infezione in atto nel nostro organismo. Quando germi ed altri agenti patogeni infettano una parte del corpo e si diffondono nel sangue senza una risposta adeguata del sistema immunitario o ai farmaci si va incontro alla setticemia.

Qual è la differenza tra sepsi e barreriemia?

La batteriemia è una condizione isolata e transitoria. Avviene quando per manovre di lieve entità si ha una presenza di gittate batteriche che danno luogo ed eventi infettivi di breve durata e di conseguenze lievi. La sepsi in genere si verifica spesso quando il sistema immunitario è in una condizione di debolezza,  è spesso una complicazione di infezioni d’organo di entità importante come:

  • polmoniti
  • infezioni del tratto urinario
  • infezioni post-traumatiche
  • infezioni chirurgiche
  • aborto
Quali sono i sintomi?

I sintomi della setticemia insorgono e degenerano molto rapidamente, per questo è necessario riconoscerli al più presto e chiedere l’aiuto di uno specialista. I primi sintomi della setticemia possono includere:

  • febbre
  • brividi
  • mal di testa
  • stanchezza
  • mancanza di appetito
  • aumento del battito cardiaco e della frequenza respiratoria e cardiaca.
Come si può diagnosticare?

La diagnosi di setticemia può essere fatta con delle semplici analisi del sangue, che riporteranno un aumento di globuli bianchi nel sangue, della VES e della PCR. Il test della procalcitonina potrà confermare la diagnosi dello specialista. L’emocoltura sarà di importanza fondamentale per sapere il tipo di batterio responsabile dell’infezione ed andare quindi a stabilire una terapia farmacologica adatta.

Terapia:

La terapia è farmacologica, a base di antibiotici che contrasteranno l’infezione in atto ed eventualmente i farmaci o le terapie che andranno a contrastare l’origine del focolaio infettivo che ha dato origine alla setticemia.

Quali sono i rischi di una setticemia non diagnosticata in tempo?

Il sangue, che nel momento della setticemia è infetto, ha sempre maggiori difficoltà ad irrorare di ossigeno gli organi. Le complicanze più severe che possono portare persino allo shock settico riguardano proprio i danni agli organi vitali come cervello, cuore e reni.