domanda

Lo sapevi che il nostro corpo…


“…Il mio corpo è più del mio corpo. Io non ho un corpo, io sono un corpo…”

Foto_blog_203

Il nostro corpo, qualcosa di straordinario, fantastico e in continua evoluzione.

Si sa tutto e nulla, ma ciò che rimane è il suo fascino!

Esso presenta degli aspetti, che forse sono sconosciuti ai più, ma che è importante prendere in considerazione, per conoscere meglio tutti quegli elementi che concorrono al nostro benessere generale.

Aspetti anche piuttosto curiosi, che sono in grado di dirci veramente molto sulla salute e sui quei delicati meccanismi che sono alla base dell’equilibrio psicofisico. Si tratta a volte anche di curiosità davvero molto particolari. Ecco a voi alcune.

1. Un secondo cervello nell’intestino

Il sistema nervoso è proprio una macchina indispensabile. Conoscete che cos’è il sistema nervoso enterico? Si tratta di una sorta di secondo cervello nel nostro intestino. Lungo tutto il tratto che va dall’esofago all’ano ci sono circa 100 milioni di neuroni. Si tratta di cellule nervoseche sono slegate dal pensiero cosciente e si occupano non solo della digestione. I neuroni del sistema nervoso enterico sono responsabili di quelle sensazioni che siamo soliti definire come sentire “farfalle nello stomaco” o “pugno nello stomaco”. Da ciò si comprende anche come determinati cibi possano influenzare il nostro umore. Ecco perché a volte soffriamo di colite nervosa.

2. Memoria: dimenticare perché si è entrati in una stanza

Spesso capita che la memoria giochi brutti scherzi: quante volte ci siamo dimenticati il motivo per cui siamo entrati in una stanza? Uno studio francese a questo proposito ha messo in evidenza che la nostra mente percepisce le porte come confini e che riesce a salvare le decisioni prese fino al momento in cui si varca la soglia di una stanza. Ecco spiegato perché, quando si ritorna indietro e si supera di nuovo la porta, è possibile ricordare nuovamente ciò che apparentemente sembriamo aver dimenticato.

3. Percezione: una donna vede più colori di un uomo

In termini di percezione di colori le donne riuscirebbero a percepire più colori rispetto agli uomini. Questo dipende dal fatto che le donne hanno 4 o 5 ricettori rispetto ai 3 degli uomini. Tutto ciò comporta il riuscire a distinguere maggiori sfumature e una gamma più ampia di tonalità.

4. Obesità: 11 km di vasi sanguigni per ogni chilo di grasso

Un motivo in più per condannare l’obesità: si è scoperto che il nostro corpo, per ogni chilo di grasso in più che si accumula, è costretto alla formazione di nuovi vasi sanguigni per una lunghezza complessiva pari a 11 km. Da ciò si capisce bene come il sovrappeso comporti dei problemi relativi anche al buon funzionamento del cuore e di tutto l’apparato cardiovascolare.

5. Respirazione: implicata una narice alla volta

E’ stato riscontrato che circa l’85% delle persone respira con una narice alla volta, alternandole. Tutto ciò dipende dal tessuto erettile del naso che blocca di volta in volta una narice piuttosto che l’altra. Respirare in questo modo ha degli effetti al livello dell’organismo: la respirazioneattraverso la narice destra determina una maggiore attività nell’emisfero sinistro del cervello e viceversa.

6. Mangiare le caccole aiuta il sistema immunitario

Sembrerebbe assurdo: mangiare le caccole aiuta il sistema immunitario, eppure è così. Il muco nasale, spesso andato in gola a causa del movimento delle ciglia nasali, riesce ad introdurre nel nostro corpo agenti contaminanti a poco a poco in piccole quantità, permettendo alle difese immunitarie di “allenarsi” nel combattere gli agenti esterni.

7. Ferite: lo zucchero aiuta a guarire

Lo sapevate che lo zucchero aiuta le ferite a guarire prima? Si tratta di un rimedio davvero incredibile, perché in effetti lo zucchero riesce ad assorbire l’acqua di cui hanno bisogno i batteri per sopravvivere. In questo modo viene ridotto il dolore e vengono uccisi i batteri che rallentano la guarigione delle ferite stesse.

8. Salivazione: più accentuata prima di vomitare

Prima di vomitare ci si accorge di essere soggetti ad una salivazione più accentuata. Questo è uno stratagemma adottato dal nostro corpo per proteggere la gola, la bocca e i denti dalle sostanze acide contenute nello stomaco.

9. Emozioni: la solitudine è fisicamente dolorosa

Il senso di solitudine viene percepito dal nostro cervello come dolore fisico. Studi sull’argomento hanno dimostrato che, quando diventiamo consapevoli di essere soli, si attiva nel nostro cervello la stessa area deputata alla percezione del dolore fisico: la corteccia cingolata anteriore. Indicazioni importanti anche per poter trattare meglio la depressione.

10. Respirare e deglutire: non sappiamo farlo contemporaneamente

Respirare e allo stesso tempo deglutire: per noi esseri umani è impossibile e siamo gli unici mammiferi che non hanno questa capacità. Ci riescono i neonati, ma questa abilità si perde intorno ai 9 mesi di vita come conseguenza dello sviluppo: le corde vocali si posizionano in una parte del collo più bassa rispetto a quella occupata negli altri animali. Il vantaggio consiste nel fatto che diventiamo capaci di produrre suoni molto più articolati.