immagine repertorio

Si può scoppiare per avere mangiato troppo?


Natale, panettoni, dolci e cotechino… iniziano le abbuffate e i chili aumentano sino a scoppiare… Può avvenire davvero?

6454158759_c7d770775f_z
Pieno come un uovo? Occhio, potresti “esplodere”!
A quanti sarà capitato di pronunciare dopo un pranzo, cena o spuntino la tipica frase: “Mi sento scoppiare, sono pieno!”???
Le feste sono ormai alle porte, e le tavole nella nostra immaginazione popolare del natale ci appaiono già imbandite di leccornie da far venire l’acquolina… ma se dopo l’abbuffata ci sentissimo scoppiare?
Sapevate che sono stati descritti casi di rottura dello stomaco dopo abbondanti mangiate?
Quasi sempre il fenomeno si è verificato dopo che il malcapitato aveva preso del bicarbonato per digerire: infatti, il gas prodotto da questa sostanza fa aumentare la pressione sulle pareti dell’organo che, già molto gonfio per il cibo, può così danneggiarsi. La rottura dello stomaco è comunque molto rara, perché quando si comincia a eccedere a tavola al cervello arriva un segnale di sazietà che dovrebbe far smettere di mangiare. Allo stesso tempo, la valvola che si trova tra lo stomaco e l’esofago si rilassa per fare uscire l’aria e permettere di allentare la pressione sulle pareti. Se invece si continua a mangiare, si attivano altri meccanismi di difesa come il dolore, la nausea e il vomito, che dovrebbero preservare l’integrità dell’organo.