ottimismo

Ottimisti i nati in primavera, in inverno i più irritabili


ottimismo-img89-01-1

Studio presentato a European Congress of Neuropsychopharmacology

E’ quanto emerge da uno studio ungherese, della Semmelweis University di Budapest, presentato allo European Congress of Neuropsychopharmacology a Berlino.

Secondo i ricercatori, chi e’ nato in estate, ad esempio, sarà più soggetto rispetto a chi e’ nato in inverno a sviluppare un temperamento cosiddetto ciclotimico, caratterizzato da rapide e frequenti oscillazioni tra stati d’animo tristi e allegri; mentre chi è nato in primavera sarà più tendente a un temperamento ipertimico, in cui cioè a prevalere sarà l’ottimismo a tutti i costi. I nati in autunno, invece, saranno in generale meno depressi dei nati in inverno, mentre proprio a chi e’ nato nei mesi più freddi spetta il primato dell’irritabilità. “Studi biochimici hanno dimostrato che la stagione in cui si e’ nati ha un’influenza su alcuni neurotrasmettitori come la dopamina e la serotonina, che è rilevabile anche da adulti – spiega Xenia Gonda, prima autrice della ricerca -. Il nostro lavoro ha esaminato oltre 400 soggetti e ci ha permesso di riscontrare che la loro stagione di nascita influenzava il tipo di personalità nella vita futura. Fondamentalmente, sembra che il periodo dell’anno in cui si nasce possa aumentare o diminuire le probabilità di sviluppare alcuni disturbi dell’umore”.

“Non possiamo ancora dire nulla circa i meccanismi coinvolti – ha proseguito la ricercatrice – quello che stiamo tentando di scoprire e’ se ci sono marcatori genetici legati alla stagione di nascita e al disturbi dell’umore”.

(ANSA).