Tumori: Ieo, una ‘scatola magica’ per diagnosticarli tutti


L’Ieo vuole raccogliere 2,5 mln per acquistarla

Tumori: Ieo, una 'scatola magica' per diagnosticarli tutti

Diagnosticare tutti i tumori, anche quelli che finora sono invisibili ai normali screening, con un unico esame su tutto il corpo. Vuole farlo l’Istituto europeo di oncologia (Ieo) fondato da Umberto Veronesi, che punta a raccogliere 2,5 milioni di euro per acquistare la speciale risonanza magnetica in grado di funzionare come una vera e propria ‘scatola magica’ della diagnosi, come lo stesso Veronesi l’ha sempre definita.

Con la raccolta fondi, promossa dalla Fondazione Ieo, da oggi e fino al primo novembre è possibile donare da 1 a 5 euro, con un sms o una telefonata al numero 45597. L’apparecchio è capace di ricostruire in 3D l’intero corpo umano (visto dall’interno) e, spiegano gli esperti, “permette di individuare a uno stadio primordiale la maggior parte dei tumori, compresi molti di quelli per cui fino ad oggi non esisteva alcuna possibilità di screening”. Non usa radiazioni né mezzi di contrasto, ed è quindi ritenuto sicuro per tutti, anche (ad esempio) per le donne in gravidanza. E’ già stato sperimentato su circa 600 persone, con l’obiettivo di diagnosticare eventuali patologie tumorali “quando sono ancora piccolissime, anche solo 3-4 millimetri, quando possono essere trattate con il minimo degli effetti collaterali e il massimo di possibilità di guarigione”.

Fonti