uova fipronil

Uova contaminate: cos’è il Fipronil e quali sono i suoi effetti?


uova

E’ allarme per le uova contaminate con il fipronil in 45 Stati, di cui 26 membri dell’Ue. Tra i Paesi a rischio c’è anche l’Italia, dove lo scorso agosto, sono state sequestrate diverse partite di uova, (l’ultimo caso in due allevamenti avicoli in Umbria).

Cos’è il Fipronil?

Il fluocianobenpirazolo, questo il nome chimico, è un insetticida utilizzato per combattere pulci, zecche e pidocchi. Si tratta di un veleno a lenta attività d’azione: una volta inserito in un’esca, l’insetto viene avvelenato ma non muore istantaneamente.

Il suo utilizzo rimane categoricamente vietato nei trattamenti anti-pulci di animali destinati al consumo umano. A grandi quantità, può essere “moderatamente pericoloso” per la salute umana, specie per quel che riguarda reni, fegato e tiroide. Questo insetticida ad ampio spettro, disturba l’attività del sistema nervoso centrale dell’insetto, impedendo il passaggio degli ioni cloruro attraverso il recettore del GABA ed il recettore del Glut-Cl, causando la ipereccitazione dei nervi e dei muscoli degli insetti contaminati.

fipronil

Come funziona?

Si tratta di un insetticida volutamente blando, pensato per trasformare gli insetti contaminati in “untori” per tutta la loro colonia. E’ stato rilevato che le carcasse delle blatte sono in grado di contenere quantità di antiparassitario residuo sufficiente per uccidere altri insetti nello stesso luogo in cui gli insetti si rifugiano. Nelle formiche, la condivisione dell’esca fra i diversi membri della colonia aiuta la diffusione del veleno nella colonia. Con tale effetto a catena, il tasso di avvelenamento è circa del 95% in 3 giorni.

Effetti e sintomatologia

  • Ipereccitabilità
  • Irritabilità
  • Tremori
  • Letargia e convulsioni.

Il fipronil si assorbe lentamente attraverso l’intestino. Per ridurre l’assorbimento i medici consigliano di usare una lavanda gastrica, un purgante salino o carbone attivo. Non è noto un antidoto specifico.

Conclusioni

Il prossimo 26 settembre i ministri dei Paesi coinvoltisi riuniranno a Bruxelles per discutere di come evitare nuovi scandali simili.


Informazioni su Erica De Donno

Studentessa di Farmacia presso l'Università "Aldo Moro" di Bari. Solare, estroversa, dinamica e determinata. Appassionata di letture scientifiche e mediche, da sempre coltiva l'interesse per la scrittura sperando in un futuro di poter coniugare la sua professione con essa. La sua "mission" è la salvaguardia del paziente attraverso lo studio per lo sviluppo e l'accrescimento di nuove tecnologie ospedaliere.