valgomed 3

Valgomed e la cura dell’alluce valgo


Cari lettori, oggi vorrei parlarvi di un prodotto che sto testando (su richiesta dell’azienda), da un paio di mesi circa, e sul quale ero molto scettica: “Valgomed”.

Innanzitutto vi spiego in breve di cosa si tratta.

alluce valgoMolti soffrono di quella che viene definita “sindrome dell’alluce valgo” o semplicemente “cipolla antiestetica e fastidiosa”, una particolare deformazione che colpisce il piede dove si ha un allontanamento della testa del primo metatarso da tutte le altre.

Il problema si manifesta principalmente con arrossamento nella zona interessata, gonfiore nell’area interna dell’avampiede, infiammazione della zona con la conseguente deformazione dell’articolazione metatarsale che porta all’impossibilità di indossare alcuni tipi di scarpe senza provare dolore.

Per quel che concerne le cause, si dice spesso che chi soffre di alluce valgo abbia

  • Una predisposizione genetica;
  • Un rapido e ingente aumento di peso;
  • Menopausa;
  • Utilizzo di  scarpe sbagliate o troppo strette, o tacchi troppo alti;
  • Piede piatto;

confezione di Valgomed

Come si risolve il problema?

  • Massaggi, fisioterapia
  • Rimedi di tipo locale (pomate);
  • Operazione chirurgica
  • Utilizzo di tutori (divaricatori), plantari.

Cos’è quindi Valgomed?

“Valgomed” fa parte della categoria dei plantari capaci di ridurre gli squilibri posturali, Un tutore che sarebbe in grado di correggere il problema dell’ alluce valgo ed evitare l’operazione chirurgica.

Come si presenta?

Si presenta come un separatore in silicone gel che permette di separare l’alluce dal secondo dito del piede, imponendo la posizione corretta all’articolazione del piede, che in questo modo evita di subire le sollecitazioni che lo portano a “piegarsi” in maniera errata ed a causare la fastidiosa “cipolla”, anti estetica e molto dolorosa.

Come si indossa?

Utilizzarlo è semplicissimo: basta posizionarlo sotto l’alluce e premerlo in maniera decisa e prolungata al dito. E’ possibile anche utilizzarlo con le scarpe, anche se alle volte, soprattutto nelle fasi iniziali, potrebbe portare dei fastidi quando si cammina.

confezione e contenuto di Valgomed

Per quanto tempo?

Sulle tempistiche mi baserò sulla mia esperienza. In genere è bene portarlo per 6-10 ore al giorno. Ma vi dirò, anche con 4-6 ore al giorno per circa 20 giorni i risultati (anche se minimi) sono già evidenti per una cipolla di medie dimensioni. Quindi il mio consiglio è di rendervi conto per prima della “gravità” (se così si può definire), della vostra situazione, e poi di procedere al trattamento.

Aspetti positivi

  • Morbido al tatto
  • Elastico, quindi si adatta aderendo perfettamente alla forma del piede;
  • Non crea microlesioni, tagli tra le dita del piede;
  • Non ingombra;

Aspetti negativi

  • Scomodo nella prima fase del trattamento;
  • Fastidioso con le scarpe (ma questo è un fattore molto personale);
  • Prezzo un po’ alto (Shop online Valgomed)

Conclusioni

Se dovessi dare un voto a Valgomed darei 8 per il mio caso. Logicamente non so come potrebbe trovarsi nell’utilizzo una persona con problemi abbastanza gravi, quindi mi sentirei di consigliarlo a chi soffre di alluce valgo, ma nella misura in cui un intervento sarebbe esagerato dato le dimensioni “nella norma” della cipolla.

 

Spero di esservi stata utile!

Vi aspetto per la prossima recensione!